2010
03
May

L’ammezzato di Scajola

Scajola fa rima con “Sòla”. Se non altro quella romanissima che il ministro si illude di poter rifilare agli elettori raccontando favole amène sulla sua povera casetta di via del Fagutale. Dopo prime dichiarazioni difensive da non dimenticare (frasi come “E’ stato violato il segreto istruttorio!” o “Si sta cercando di mettere in mezzo mia figlia!”) Scajola ha rilasciato ben tre interviste esilaranti con cui pretende di far credere agli italiani che ha pagato una casa di dieci stanze in un condominio esclusivo con vista sul Colosseo quanto un quadrilocale al Tiburtino terzo con terrazzino abusivo. Spiega che lui è di Genova, è che per questo non si è reso conto di un prezzo così incongruo. Ha detto che l’architetto Zampolini, quello che ha concluso l’acquisto, lo conosceva appena: “era uno che si era offerto di aiutarmi a trovare casa”. Ci regala perle meravigliose come: “In realtà si tratta di un ammezzato” (180 metri quadri). La casa è stata pagata un milione e mezzo di euro, lui ne ha pagati solo seicentomila. Il bello è che ci sono quattro testimoni che raccontano una realtà diversa: 900 mila euro sono arrivati in assegni circolari, 80 per la precisione, pur di poter aggirare – per un ministro come lui evidentemente deve essere un obbligo morale – la legge anti-riciclaggio.
fonte: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578
 
 

Commenti disabilitati.