2010
12
Feb

Una scelta sbagliata

Il governo vara un decreto che da il via al ritorno del nucleare. Per il Pd è ora di finirla con le bugie: Berlusconi dica la verità sul nucleare a cominciare da dove intende costruire le nuove centrali. Il Governo in realtà vuole superare le elezioni regionali, negando ai cittadini la possibilità di fare di questo un punto di valutazione dei candidati in lizza

Arriva il via libera al ritorno al nucleare. Questa volta, era ovvio, non è in pompa magna né con la classica conferenza stampa show. Anzi. Il Consiglio dei ministri ha dato il suo Ok al decreto sui criteri per localizzare i siti nucleari: lavori dal 2013, per l’energia elettrica dal 2020. Una falsa promessa, una bugia intenzionale perché il governo sa bene che 7 anni sono il tempo minimo per la costruzione di una centrale nucleare e che raramente i tempi sono stati rispettati anche laddove c’è maggiore esperienza e competenza.

Nel documento presentato dal governo viene stabilito che saranno le imprese interessate a indicare i siti nel rispetto della normativa e un’autorizzazione unica per la realizzazione e l’esercizio di ogni impianto. L’ennesimo raggiro perché davanti ad una scelta così impopolare sarà molto più facile puntare il dito sulle imprese interessate che sul governo. E poi tutto all’oscuro dei cittadini almeno non prima delle prossime elezioni regionali. In poche parole uno scandaloso governo, lontano dalle vere esigenze delle persone.

il resto dell’articolo     http://www.partitodemocratico.it/dettaglio/93771/una_scelta_sbagliata

Commenti disabilitati.