Archive for March, 2011

SCELTE

Monday, March 21st, 2011

La scelta di agire per fermare Gheddafi non è stata frettolosa, è stata tardiva. Gli abbiamo dato da intendere che avrebbe potuto massacrare impunemente il suo popolo, che chiede finalmente di non essere più sotto il suo tallone, e lui l’ha fatto.
E’ scomoda la scelta di intervenire? Sì, lo è. Ma stare a guardare sarebbe forse stato meglio? Ne dubito assai. Si è guardato con entusiasmo al movimento delle masse del nord Africa, giudicando con favore il risveglio della coscienza democratica in Paesi che sembravano solo terra di conquista dell’integralismo islamico. Perché ora siamo in imbarazzo se chi si è ribellato al tiranno ci chiede aiuto? E poi, anche a volercene fregare di quanti hanno rischiato la pelle per la libertà, crediamo che la soluzione sia lasciar fare a Gheddafi? Forse pensiamo che per l’Italia sia un affare conveniente? Riconosciamo invece che abbiamo sbagliato a fare accordi e baciamani col raìs, e che nulla gli abbiamo chiesto in cambio se non di risolverci il problema dell’immigrazione. Abbiamo sbagliato, l’Italia e tutti gli altri, e questo è il risultato. Ed è con questa realtà che ci troviamo a fare i conti.
Il centrosinistra, che probabilmente avrebbe potuto far meglio la sua parte in passato, non può ora essere dalla parte del dittatore che bombarda il suo popolo.

17 marzo Festa dell’Unità d’Italia e anniversario dello Stato Italiano

Friday, March 18th, 2011

 

               

                                 L’Italia 


Dio, creandola, sorrise sovr’essa, e le assegnò per confine le due più sublimi cose che ponesse in Europa, simboli dell’eterna forza e dell’eterno moto: le Alpi e il mare. Dalla cerchia immensa delle Alpi scende una catena mirabile di continue giogaie, che si stende fin dove il mare la bagna.
Ed il mare la ricinge, quasi, d’abbraccio amoroso ovunque le Alpi non la ricingono: quel mare che i nostri padri chiamarono «Mare Nostro ».
E, come gemma cadente dal suo diadema, stanno disseminate attorno ad essa, in quel mare, Corsica, Sardegna, Sicilia, ed altre isole minori, dove natura di suolo e lingua e palpito di anime parlano d’Italia.

Giuseppe Mazzini

QUOTE ROSA

Tuesday, March 15th, 2011

Al Senato andrà in approvazione il ddl che introduce le “quote rosa” nei cda degli organi di governo delle società pubbliche e di quelle quotate in Borsa. Con questa norma l’Italia si dota di uno strumento che l’avvicina all’Europa.
Le cosiddette “quote rosa” probabilmente non sono la soluzione ottimale in una società che vorrebbe valutare le persone in base alle capacità e al merito ma sono anche l’unica soluzione percorribile se si vuole intaccare la viscosità di un sistema di potere che, soprattutto in Italia, a ogni livello si è fino ad ora dimostrato quasi impenetrabile alle donne.
Se vogliamo iniziare la stagione di modernizzazione di cui ha bisogno il nostro Paese dobbiamo favorire la mobilità sociale e generazionale; e in questo senso l’accesso delle donne nelle posizioni apicali rappresenta di per sé un segno di ricambio davvero rivoluzionario.
Peccato che in un clima costruttivo ancora una volta ci sia qualcuno, come l’immancabile sottosegretario Giovanardi, che si mette a guardia della retroguardia e annuncia voto contrario.

SPIGOLATURE

Monday, March 14th, 2011

E’ ormai notizia sicura!

Il Comune di Castelnuovo è sponsor ufficiale di una squadra ciclistica di- “nienteppopodimenoché”- Monsummano Terme!!!!!!!!!!!!!

E questa bella novità costerebbe “ soltanto” € 10.000 alla nostra Amministrazione, ma in cambio, ci saranno sicuramente grandissimi vantaggi. Presupponiamo di carattere turistico, ricordando che- al momento della campagna elettorale che ha visto vincere alla grande la lista che ora governa il Comune- ci prometteva ben 4oo turisti in più al giorno……Si, va bene, c’è la crisi, direte, ma li avete contati???? Per dire la verità il turismo ha preso una bella botta (in giù), per dirla alla castelnovina. Ma, come ci promettono i governanti, la crisi è quasi passata e tutto è in positivo divenire!

Allora, analizziamo quanto bene può farci sponsorizzare una squadra che neppure il  Comune di appartenenza pubblicizza.

 

Monsummano Terme è già di per sé un luogo dedito da tempo al turismo, quello termale, principalmente. A pochissimi chilometri dalla cittadina c’è Montecatini Terme: ci sembra quasi inutile ricordare che i turisti lì abbondano, per cure, passeggiate e divertimenti di ogni genere; il paesaggio che circonda i due centri in questione è poi ricco di borghi, boschi e castelli…(Collodi e il giardino Garzoni, per esempio…)..

Quanti, a seguito della squadra ciclistica, troveranno interessante e appetibile turisticamente il nostro Castelnuovo???

Quanti, vedendo il nome del nostro paese sulle biciclette dei corridori e sulle loro macchine penseranno di fare una capatina qui da noi? Mah… vedremo cosa ci porta il futuro….. Intanto ci vorrebbe un albergo che funzioni e che possa ospitare il classico pullman da 55 posti e  qualche ristorante in più……………

 

Intanto, l’argomento principe di questi tempi sui giornali riguarda l’amianto e il modo di gestire questo grave problema della nostra zona  da parte dei vari amministratori e enti coinvolti e ciò è sicuramente un danno all’immagine di luogo turisticamente ameno…che vuole essere data dall’Amministrazione attuale.

E se i ciclisti, pedalando nei nostri poggi , cadessero, se succedesse qualcosa di grave??… Ma noi abbiamo un soccorso eccellente e invidiabile! La nostra Misericordia, con il soccorso ordinario e il 118 e i medici  sono  veramente un fiore all’occhiello di cui ci possiamo ben vantare! Un insieme di volontari di ogni età, pronti a correre per chiunque abbia bisogno di cure, con una capacità e una sollecitudine grandissime! E, purtroppo, un solo infermiere professionale, visto che la Misericordia non se ne può permettere un altro. Già, rispetto agli anni precedenti, il contributo comunale è calato ( 1500€, rispetto ai2000€ concessi dai precedenti amministratori), poi, il progetto per il secondo infermiere , che avrebbe permesso di coprire  tutto il territorio, oltre che il soccorso con ambulanza  ordinaria e non, è stato solo parzialmente finanziato. Forse anche perché il contributo richiesto per questo progetto ha un costo che il Comune non si può permettere…. dopo i 10.000 € che spenderà o ha già speso per la squadra ciclistica…….

 

Vigilanza

Wednesday, March 2nd, 2011

Oggi in commissione di vigilanza RAI è stata presentata dal relatore di maggioranza del Pdl, Alessio Butti, la bozza dell’atto di indirizzo sul pluralismo. Una bozza scaduta fin da subito in un colossale paradosso quando ha voluto definire come “evidente posizione dominante da parte di alcuni operatori dell’informazione” la presenza alla conduzione di alcuni talk show politici di conduttori come Floris o Santoro. Se questa è una evidente posizione dominante, allora possedere tre reti televisive private, controllare le reti televisive pubbliche ed ottenere il via libera dal Parlamento per avere la possibilità di acquistare anche i principali quotidiani cos’è? Legittima onnipotenza?
Ormai il clima politico è sempre più caldo, e il fronte dell’informazione si surriscalda di conseguenza. La concreta possibilità di precipitare nel baratro della minoranza, prospettata dai sondaggi, fa perdere il lume della ragione a parecchi parlamentari del Pdl.
Purtroppo l’effetto collaterale è che mettono in serio pericolo, per l’ennesima volta, un bene prezioso come la libertà d’informazione.

NUOVA OFFENSIVA SULLA SCUOLA

Tuesday, March 1st, 2011

Nuova e inaccettabile offensiva Berlusconiana alla scuola, dire che i professori sono ideologizzati e che non insegnano ciò che dovrebbero è  un’offesa allo sforzo degli insegnanti, costretti a far funzionare la scuola con risorse tagliate ogni anno di più dal governo di destra.

Significa anche dire alla Lega che potrà cambiare le lezioni di storia per insegnare che la Padania è una nazione.

Significa dire ai più abbienti che i loro figli potranno studiare nelle migliori scuole private e che i figli del portiere, dell’artigiano o dell’operaio non avranno la possibilità di essere concorrenti agguerriti.

Significa dire agli lettori più di destra che la libertà di pensiero, che si insegna nella scuola, non sarà un fenomeno di massa.

Non solo.

Significa dire alle gerarchie ecclesiastiche che le strutture scolastiche gestite dai religiosi saranno privilegiate e sostenute.

Dopo la salvaguardia delle scuole, degli ospedali e degli alberghi gestiti dai religiosi dalla prossima tassa locale Imu prevista nel decreto di attuazione del federalismo (che invece per artigiani e commercianti si tradurrà in una patrimoniale secca e pesante) e dopo l’assoluto appiattimento sulle posizioni più oltranziste che riguardano i temi etici, è arrivata la proposta sulla scuola.

Quale sia lo scambio è chiaro: la Chiesa di Roma fa finta di non vendere lo scandalo di un uomo pubblico che frequenta e paga minorenni e in cambio ottiene sostegno e favori.