Archive for November, 2010

Manciulli, Ferrucci e Bugli: “Condanniamo carica polizia su lavoratori a Massa”

Thursday, November 18th, 2010

Firenze, 17 novembre 2010 –

 “La carica della polizia sui lavoratori della Eaton è da condannare. E ai contusi e ai feriti ancora in ospedale rivolgiamo la nostra solidarietà e gli auguri di una guarigione pronta e totale”.

Questo il primo commento del segretario regionale del Pd della Toscana Andrea Manciulli, Vittorio Bugli, capogruppo Pd in consiglio regionale e Ivan Ferrucci, responsabile Lavoro del Partito, sui fatti accaduti oggi al casello dell’A12 di Massa.

“La situazione è delicata: quando c’è in ballo il futuro di trecento lavoratori si tratta di altrettante famiglie. L’azienda si dimostra irresponsabile di fronte alla disponibilità della Regione di trovare una soluzione condivisa. Per questo – dichiarano Manciulli, Bugli e Ferrucci – gli operai oggi sono andati al casello autostradale per un sit-in: una manifestazione ferma ma pacifica. La carica della polizia in tenuta antisommossa quindi non trova giustificazioni. Il metodo del dialogo e dell’evitare la violenza davanti a forme di protesta è prioritario e valeva ancor di più  in questo caso: davanti a chi perde il posto di lavoro non si risponde con le manganellate”

 “Come Partito Democratico – concludono gli esponenti Pd – rimaniamo attivi e disponibili a iniziative che puntino a far rivedere la posizione dell’azienda per rivalutare un piano industriale”

FINI TOLGA DAVVERO L’APPOGGIO AL GOVERNO

Wednesday, November 10th, 2010

Gianfranco Fini oggi si è espresso in maniera apprezzabile, in particolare quando ha citato i diritti delle persone e il rispetto senza distinzione di razza, sesso e religione. Di più, è un bene che abbia dichiarato la disponibilità del suo partito ad appoggiare il riconoscimento delle coppie di fatto. In termini di principi, dunque, le posizioni espresse oggi dal presidente della Camera, sono condivisibili.
Dal punto di vista politico, invece, è evidente a tutti il permanere del solito nodo, la coerenza. Se crede davvero nei principi che ha enunciato e se, ugualmente, ritiene che Berlusconi abbia affossato il Paese portandolo a un punto di non ritorno, dovrebbe smetterla di sostenerlo. Levare concretamente l’appoggio al Governo è quanto ci si aspetterebbe da chiunque si esprimesse in questi termini.

Peggio di noi solo Haiti

Wednesday, November 3rd, 2010

 

Il paradosso maggiore è che Berlusconi continua a esaltare l’azione del suo governo.

Siamo penultimi davanti solo ad Haiti.

Praticamente ultimi dato che il paese americano è stato devastato dal terremoto.

I dati del Fondo Monetario Internazionale rimarcano il nostro declino, prigionieri dei nostri ritardi strutturali siamo in fondo alla classifica della crescita economica per il decennio 2000-2010.

Siamo 179esimi su 180nazioni con una crescita di solo il 2,43% in dieci anni, siamo penultimi con distacco, davanti a noi al 178° posto il Portogallo con una crescita del 6,47%.

Se è vero che in questa classifica mondiale tutte le nazioni europee sono in fondo

Spagna 144° posto + 22,43%

Gran Bretagna 157° posto + 15,41%

Francia 162° posto + 12,53%

Germania 172° posto + 8,68%

è anche vero che noi siamo gli ultimi in Europa.

E’ evidente che il Berlusconismo non ha fatto del bene al nostro paese, sono mancate le riforme, a cominciare da quella fiscale, che premia più le rendite che il lavoro, con tre record significativi: quello del lavoro nero, quello della pressione fiscale più alta sulle imprese e quello della pressione fiscale più alta sui redditi dei lavoratori.

Di chi è la colpa?

E’ evidente che ci siano responsabilità anche delle imprese, incapaci di innovarsi e adeguarsi al cosiddetto “cambio di modello tecnologico” ma è anche evidente che molta della colpa ricade su chi per gran parte di questi anni ha amministrato il paese : SILVIO BERLUSCONI.

 Novembre 2010